È Lunedi. Sveglia presto. Prestissimo. L’alba. Tirarsi fuori dal letto non è difficile come al solito. Oggi si fa sega al lavoro per andare a scuola. A scuola di flat track. Ci troviamo alle 7 in Porta Venezia con 10 clubber. Due suv sono pronti ad aspettarci.

In un paio di ore siamo a destinazione. La pista, o meglio, l’ovale, è nel veronese, persa tra le colline del Soave. Nell’agriturismo adiacente siamo accolti dal nostro Maestro. Marco Belli, pluri-campione di flat track, allenatore di Valentino Rossi, nonché progettista del “Ranch”, fondatore della scuola Di Traverso, e, ovviamente, membro del Club.

In spogliatoio ciascuno di noi trova una borsa con il kit per l’esperienza. Poster commemorativo della gionata, maglie personalizzate NGA Club con nome e numero di carta, e il top dei caschi da fuoristrada, Nolan N53, customizzati con i loghi NGA.

Il brief di Marco è chiarissimo. Tutto il peso davanti, scordarsi il freno anteriore e mano pesante sul gas. I quattro istruttori ci seguono negli esercizi. Si parte con qualcosa di banale, per prendere confidenza sulla sabbia. Cominciamo con qualche timida derapata tra i coni. Poi con maggiore confidenza si derapa con una mano sola. D’altra parte se si imposta bene la curva non servono le braccia, ma equilibrio e gas al momento giusto. Ci vogliono un paio di cadute per prendere la mano. Tra tutti si distingue Ricccardo Schiavotto, l’unico capace di strappare sorrisi e applausi dai severi istruttori.

Una grigliata di carne divide la mattina dal pomeriggio. È tempo di mettere alla prova la tecnica imparata con l’intero ovale a disposizione. Marco ci organizza una serie di gare in circuiti sempre più complessi. C’è chi cade, chi si esulta e chi si lamenta. Nessuno vuole perdere. Ci sentiamo pronti per “la bella”. Due qualifiche e una finale. La vince Schiavotto, seguito da Pozzoli e Dall’Olio.

 Al tramonto ci si spoglia delle protezioni e vincitori e vinti si guadagnano un aperitivo a bordo pista con pane, salame e Heineken ghiacciate. Si brinda al successo della giornata e si ride dei lividi e della stanchezza. Ringraziamo Marco per averci organizzato un lunedì da ricordare, e tutto il team della Scuola Di Traverso per averci seguito nei nostri rimi passi nel mondo della derapata.

Lesson learned. Go Fast, Turn Left!